Benvenuto,

Benvenuto nel blog qui trovi

Cucina vegan, Yoga, Rimedi naturali, Autoproduzione, Stile vegan, Impressioni di lettura, Mandàla per l'anima, Animali si nasce, Caro amico ti scrivo

Da questo blog puoi prelevare tutto quello che ti piace, se pubblichi, per correttezza nei confronti delle fonti da cui attingo, ricordati di citare l'autore che trovi in calce ai post. Grazie.


sabato 8 marzo 2014

La torta viola


Ingredienti:
300 gr farina
350 gr carote viola
100 gr mandorle non sbucciate
130 gr zucchero di canna
40 gr burro vegetale
100 ml latte di soia
1 bustina cremor tartaro

Attrezzi: 
bilancia per alimenti, pela verdure, coltello, dosa liquidi, grattugia, teglia apribile diam. 22, spatola, mixer frullatore, robot da cucina, foglio di alluminio per alimenti 


facile

40-45 minuti

1 ora

Preparazione: 
preriscaldate il forno in modalità statica a 180°;
imburrate la tortiera;
con l'ausilio del mixer frullate insieme lo zucchero e le mandorle;
lavate, pulite e spellate quindi grattugiate le carote crude, sono un po' più dure delle carote arancioni se vi trovate in difficoltà tagliatele a rondelle e frullatele nel mixer;
nel robot da cucina miscelate farina, cremor tartaro, zucchero e mandorle, quindi amalgamate le carote;
aggiungete il burro vegetale e 50 ml di latte di soia e proseguite con il robot , la consistenza deve essere cremosa ma non troppo liquida se l'impasto e invece troppo asciutto aggiungete anche gli altri 50 ml di latte di soia;
trasferite il composto nella tortiera e livellatelo, quindi ponete in forno sul ripiano di mezzo, se siete felici possessori di forno brucia tutto con il foglio di alluminio formate una cupola con cui coprire la teglia e fate cuocere per 35 minuti, fate la prova stecco ed eventualmente proseguite la cottura per altri 5-10 minuti.
Fate riposare la torta in forno spento per 5 minuti quindi sfornate e rimuovete il il cerchio e lasciate intiepidire sulla gratella;
rimuovete il fondo della torta e disponete nel piatto di portata, se gradite decorate con zucchero a velo (frullate 1-2 cucchiai di zucchero di canna).

Note di redazione: questa torta me l'ha ispirata il film "Il colore viola", che pur essendo ambientato agli inizi del 1900 sembra essere, purtroppo, molto attuale.
N.b:
nessuna mimosa o albero di mimosa sono stati, da noi, maltrattati o mutilati né per questa torta né per la ricorrenza, il ramo in foto è una controfigura in puro sintetico.

♥♥♥Felice giornata della donna oggi e tutti gli atri 364 giorni dell'anno♥♥♥


2 commenti:

  1. Mi chiedevo dove eravate finiti ... Buona, cerco le carote viola (ci sono al supermercato) e la faccio, dovrebbe piacere ai miei uomini. Nemmeno io amo tagliare mimose, ho invece comprato, e invitato a comprare, la gardenia dell'Aism.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola, non siamo spariti ma quasi, sommersi da troppi impegni e contrattempi per riuscire a dedicare un tempo consono alla cura del blog.
      Che bella l'idea delle gardenie Aism!
      Nel frattempo dopo il test assaggio posso affermare che divisa a metà per orizzontale e farcita con un velo di marmellata di arance amare (possibilmente bio) la torta è goduriosissima

      Elimina