Benvenuto,

Benvenuto nel blog qui trovi

Cucina vegan, Yoga, Rimedi naturali, Autoproduzione, Stile vegan, Impressioni di lettura, Mandàla per l'anima, Animali si nasce, Caro amico ti scrivo

Da questo blog puoi prelevare tutto quello che ti piace, se pubblichi, per correttezza nei confronti delle fonti da cui attingo, ricordati di citare l'autore che trovi in calce ai post. Grazie.


lunedì 11 settembre 2017

Rawmaggio girasole e mandorle

 (ovvero non - formaggio crudista a base di semi di girasole e mandorle)

Ingredienti: 
180 gr. semi di girasole (1 tazza mug colma)
20 gr. mandorle spellate (20 mandorle circa)
1 cucchiaio semi di lino
1 cucchiaino semi di sesamo
1 cucchiaio lievito alimentare inattivo (non è quello per dolci lievitati)
1 pizzico di sale integrale grigio della Normandia
1 molata di pepe
3 cucchiai piccoli olio di girasole+olio per ciotola
acqua a temperatura ambiente qb

Attrezzi:
bilancia per alimenti, timer, cucchiai e cucchiaini, ciotola, mixer tritatutto, ciotole e ciotoline, colino grande, pennello per alimenti.

Preparazione:
ponete i semi di girasole e le mandorle in una ciotola e copriteli con acqua;
lasciate in ammollo 2 ore;

scolate a sciacquate sotto acqua corrente;
frullate poco composto alla volta per ottenere una crema e trasferitelo in una ciotola;

mentre frullate aggiungete semi di lino, semi di sesamo, sale, pepe e lievito alimentare;

radunate nella ciotola tutti gli ingredienti ridotti in una crema densa aggiungete l'olio ed amalgamate con cura;

trasferite in una ciotola adeguata (con coperchio o pellicola a sfioro) precedentemente pennellato con olio e pressate con cura;

ponete in frigo per 2 giorni;
sformate, pronto. 

Si conserva in frigo per altri 3-4 giorni, forse... dipende dai golosoni che avete in casa
Note di redazione:
  • l'ammollo ed il risciacquo servono per rendere più morbidi i semi e neutralizzare l'acido fitico che può inibire l'assorbimento di ferro, calcio, rame, zinco e magnesio nonché alcuni inibitori di enzimi contenuti nella frutta a guscio.
  • Poiché le mandorle necessiterebbero di un ammollo di 8 ore per abbreviarlo ho utilizzato mandorle spellate, anche perché di quando in quando diamo qualche mandorla a Molly e quelle che utilizziamo siamo sicuri siano solo mandorle dolci (NB le mandorle amare sono velenose, in piccola quantità a noi non fanno nulla ma per i ns. piccoli animaletti sono pericolose, così come i semi di sesamo)
  • In effetti avrei dovuto mettere ammollo anche i semi di sesamo (me ne sono scordata)
  • non ho invece messo ammollo i semi di lino di proposito altrimenti dopo 2 ore sarebbero risultati mucillaginosi (la gelatina ottenuta dai semi di lino dopo una notte di ammollo è utile a favorire il transito intestinale)
Tutto ciò detto, anche se da sempre frutta e verdura in casa si consumano principalmente crudi e di stagione (compreso il cavolo e parenti, bietoline, spinacini, funghi e carote? Si, tagliati a julienne) non stiamo diventando crudisti, per quanto rispetti coloro che hanno fatto questa scelta, sia per problemi cronici di stomaco che per inclinazione all'ayurveda preferisco cuocere i cibi, ma per il 💞maritino novello vegano (beh, ormai è più di un anno che si è completamente convertito) ma sempre golosone 😋 occorre inventare qualcosa di nuovo.