Benvenuto,

Benvenuto nel blog qui trovi

Cucina vegan, Yoga, Rimedi naturali, Autoproduzione, Stile vegan, Impressioni di lettura, Mandàla per l'anima, Animali si nasce, Caro amico ti scrivo

Da questo blog puoi prelevare tutto quello che ti piace, se pubblichi, per correttezza nei confronti delle fonti da cui attingo, ricordati di citare l'autore che trovi in calce ai post. Grazie.


lunedì 16 gennaio 2017

Son senza pan ed infuria il burian "pan veloce"

Ingredienti:
300 gr farina tipo 2
200 gr farina manitoba
10 gr. di lievito di birra disidratato (1/2 cubetto di lievito fresco)
350-400 ml acqua tiepida (circa)
2 cucchiaini olio evo
1 cucchiaino di zucchero di canna
2 pizzichi di sale (generosi)
Attrezzi: 
bilancia per alimenti, dosa liquidi, bicchiere, cucchiaio di legno, ciotola, piattini o coperchietti vari, pellicola da cucina, carta da forno, placca da forno, stecco lungo per prova cottura.

Preparazione:
preriscaldate il forno in modalità statica a 50° e spegnetelo;
pesate e miscelate le farine e trasferitele nella ciotola;
nel bicchiere miscelate lo lievito con lo zucchero di canna e stemperateli  in circa 50 ml. di acqua tiepida (prelevata dal totale dell'acqua prevista) coprite il bicchiere con il coperchietto o piattino e lasciate che lo lievito si attivi occorreranno circa 10 minuti, aumenterà di volume e formerà schiuma;
formate una fontana con la farina e versatevi al centro lo lievito attivato;
mescolate velocemente e brevemente quindi aggiungete i rimanenti acqua, olio e sale;
mescolate sino ad ottenere un impasto amalgamato di consistenza morbida al limite del molle (l'impasto non risulterà liscio è normale) spolverate l'impasto con un po' di farina e coprite la ciotola con pellicola da cucina; 
riponete l'impasto nel forno tiepido a lievitare (occorrerà circa 1 ora) l'impasto deve raddoppiare;

recuperate l'impasto dal forno;
riscaldate nuovamente il forno a 50° e spegnete;
trasferite l'impasto sulla placca da forno rivestita con l'apposita carta cercando di non rovesciarlo;
l'idea era quella di formare dei piccoli panini come da ricetta di Araba Felice in cucina, alla quale mi sono ispirata, piccolo inconveniente mi è sfuggita troppa acqua nell'impasto e non sono riuscita a dividerlo, ho rimediato lasciandolo così com'era anche se come se si suol dire mi si è seduto (allargato eccessivamente);
riponete la placca contenente l'impasto nel forno tiepido a lievitare nuovamente per 30 minuti circa;
estraete la placca dal forno; 
accendete il forno e portatelo in modalità statica alla temperatura di 230° circa;
ponete la placca con l'impasto nel ripiano centrale e fate cuocere per circa 30 minuti (prova stecco);
raggiunta la cottura spegnete il forno e lasciate riposare 5 minuti;
aprite uno spiraglio dell'anta del forno e fate intiepidire per altri 5 minuti;
trasferite quindi il pane su un tagliere, pronto.
Note di redazione: 
pensavo di sfornare un sercio (come si dice a Roma), per fortuna, nonostante il mal di gola ed io fossimo già rassegnati ad affrontare il burian per andare sino al panificio, benché basso il pane è risultato morbido ben alveolato e soprattutto edule; ho messo solo un pizzico di sale, cosa che il maritino ha apprezzato, le mamme, invece, hanno apprezzato ma indovinate un po'quale è stato l'appunto? 
Eh...il sale! 
La prossima volta un pizzico in più! 
L'é miaaa pane sciocco!!! (mi scusino i toscani per l'ortografia)