Benvenuto,

Benvenuto nel blog qui trovi

Cucina vegan, Yoga, Rimedi naturali, Autoproduzione, Stile vegan, Impressioni di lettura, Mandàla per l'anima, Animali si nasce, Caro amico ti scrivo

Da questo blog puoi prelevare tutto quello che ti piace, se pubblichi, per correttezza nei confronti delle fonti da cui attingo, ricordati di citare l'autore che trovi in calce ai post. Grazie.


.

lunedì 12 novembre 2012

Oleolito di bacche di alloro - uso esterno



Alloro con drupe mature

Leggete le AVVERTENZE in calce al post

Ingredienti:
250 gr di bacche (drupe) di alloro mature fresche
1 litro di olio evo (o mix di olii evo, girasole, jojoba risulterà così meno untuoso)

Attrezzi:
tagliere o ciotola robusta, martello o matterello, bottiglia di vetro scuro o arbanella da litro e mezzo o 2 litri dotata di chiusura ermetica, stagnola, carta forno, guanti monouso, colino grande, imbuto, telo naturale pulito non profumato, bottigliette di vetro scuro

Preparazione:
sciacquate ed asciugate le bacche di alloro;
Drupe di alloro mature
indossate i guanti e stendete la carta da forno sul tagliere (meglio 2 strati);
disponete una manciata di bacche sul tagliere rivestito;
ripiegate la carta a formare una bustina non troppo stretta intorno alle bacche (in modo da evitare che pestandole rotolino);
con il lato piatto del martello o matterello frantumate le bacche;
Drupe di alloro frantumate (opppsss mi è partita la mano)
trasferite la poltiglia nell'arbanella o bottiglia;
continuate sino a terminare le bacche;
coprite con l'olio;

chiudete la bottiglia/arbanella e scuotete qualche secondo (l'operazione va ripetuta ogni giorno);
se la bottiglia/arbanella non sono scure avvolgetele con la stagnola per impedire che la luce degradi l'olio;
se possibile esponete per i primi 15 giorni la bottiglia/arbanella al tepore del sole, se piove sistematela vicino ad una moderata fonte di calore;
trascorsi 30 giorni con l'aiuto di colino, telo e imbuto filtrate l'oleolito nelle bottigliette (o bottiglia da litro), se non le trovate scure proteggetele dalla luce avvolgendole nella stagnola;
attendete ancora 10 giorni ed il vostro oleolito sarà pronto a lenire i dolori artritici e reumatici, sarà sufficiente prelevarne una piccola quantità e massaggiare con movimenti circolari la parte dolente, sino all'assorbimento.

Note di redazione ed AVVERTENZE: l'alloro è un sempreverde ma il periodo di maturazione delle drupe è tra fine ottobre e metà novembre.
Ricordate di scusarvi con l'alloro per il doloroso prelievo e ringraziarlo del magnifico dono.
L'alloro cresce vicino ai corsi d'acqua in prima collina, strofinando una foglia tra le mani  o spezzandola sprigionerà il caratteristico profumo, fino a qui niente di strano, ma se non sentite il caratteristico profumo, anzi se non sentite alcun profumo, non cogliete le drupe non prelevate rami o foglie, non strofinatevi le mani (neanche con le salviette inumidite) tenete lontano i Vs. amici quadrupedi e i bimbi perché non avete trovato l'alloro ma il suo simile velenoso il lauroceraso con il suo carico di acido cianidrico (vedi cianuro), per rassicurarvi va detto che il lauroceraso è stato importato nel 16mo secolo a scopo ornamentale (non era nota la tossicità) e tutt'ora viene usato in tale collocazione è quindi molto più frequente in giardini e parchi che non nei boschi.


LAUROCERASO
LAUROCERASO FOGLIE
LAUROCERASO DRUPE

2 commenti:

  1. Ecco il famoso oleolito!
    Te sei una Maga Magò!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cesca, sono un disastro ti ho lasciato in sospeso di risposta da 5 giorni. Cerco di farmi perdonare inviandoti qualche foto da Locana posticino remotissimo della Valle dell'Orco.
      E che ci facevamo li, foto per il viaggio a parte? Ehm... hai presente quella storia dei draghi rosa in sospeso con Merlino... ecco...!!!
      Un virtualbacione.

      Elimina

I Post Recenti

I Primi Post