Benvenuto,

Benvenuto nel blog qui trovi

Cucina vegan, Yoga, Rimedi naturali, Autoproduzione, Stile vegan, Impressioni di lettura, Mandàla per l'anima, Animali si nasce, Caro amico ti scrivo

Da questo blog puoi prelevare tutto quello che ti piace, se pubblichi, per correttezza nei confronti delle fonti da cui attingo, ricordati di citare l'autore che trovi in calce ai post. Grazie.


.

domenica 8 gennaio 2017

Tahin (crema di semi di sesamo)


Ingredienti per 1/2 vasetto da 200 gr:
100 gr. semi di sesamo
3-4 cucchiaini olio di sesamo (od olio di girasole) bio 

Attrezzi:
bilancia per alimenti, padella, cucchiaio di legno, cucchiaino, ciotola, mortaio o frullatore mixer

Preparazione:
ponete un po' di semi di sesamo in padella ed a fuoco dolce per 2-3 minuti, affinché si dorino appena, mescolandoli di continuo non devono assolutamente scurirsi altrimenti la tahin risulterà amara ed inutilizzabile;

in alternativa potete porli nella placca da forno foderata con l'apposita carta e tostarli per 5 minuti a 180°, una mia amica li tosta così, essendo però io felice proprietaria di forno brucia tutto non ho mai provato il metodo;
trasferiteli nella ciotola e proseguite alla tostatura di altri semi sino ad esaurire il quantitativo;

trasferite i semi tostati nel mortaio e macinateli sino a ridurli in poltiglia;

in alternativa potete macinarli con il mixer procedendo a piccoli e brevi tocchi facendo attenzione a non si surriscaldino altrimenti perderanno le loro proprietà e renderanno la tahin amara ed inutilizzabile;
aggiungete l'olio un po' alla volta e proseguite ad amalgamare fino ad ottenere una consistenza cremosa (non avevo l'olio di sesamo, ho usato l'olio di girasole perché ha un sapore neutro);

trasferite nel barattolino utilizzatela per accompagnare "non formaggi" o spalmata sul pane;

si conserva in frigo coperta con filo d'olio nel barattolo ben chiuso. 

Si dice che così preparata si conservi anche per un lungo periodo ma non sono mai arrivata a scoprirlo.

Note di redazione:
in internet trovate varie ricette per la preparazione della tahin o tahina che prevedono l'utilizzo del sale, poiché mi capita di usarla come ingrediente per la preparazione di un dolce preferisco sia neutra.

La tahin è un'ottima fonte di grassi insaturi (sesaminolo) utile a contrastare i radicali liberi ed ad innalzare le difese immunitarie, calcio, omega 3, vitamina B, magnesio, ferro, selenio, unica piccola pecca è molto calorica quindi consumare con moderazione (600 calorie per 100 gr).


Tratto da http://www.my-personaltrainer.it/Tv/Ricette/Preparazioni_di_Base/tahina-salsa-sesamo.html

PS come potete vedere dalla foto in testa al post la thain è troppo scura infatti, "la cuoca propone e la famiglia dispone", insomma mentre la preparavo mi sono distratta in altre 2 o 3 cosucce così per fare prima ho provato a finirla nel mixer anziché nel mortaio, risultato, l'ho surriscaldata e resa così amara da non essere commestibile, se la thain risulta amara anziché avere un sapore di simile alla nocciola tostata e solo lievemente amara è meglio non consumarla perché potrebbe essere dannosa.

Nessun commento:

Posta un commento

I Post Recenti

I Primi Post