Benvenuto,

Benvenuto nel blog qui trovi

Cucina vegan, Yoga, Rimedi naturali, Autoproduzione, Stile vegan, Impressioni di lettura, Mandàla per l'anima, Animali si nasce, Caro amico ti scrivo

Da questo blog puoi prelevare tutto quello che ti piace, se pubblichi, per correttezza nei confronti delle fonti da cui attingo, ricordati di citare l'autore che trovi in calce ai post. Grazie.


.

mercoledì 4 gennaio 2017

Caro jihadista ti scrivo,

è da un po’ che medito di scriverti ed ho cercato con cura le parole per il messaggio che ti voglio trasmettere, di terrorista in terrorista di attentato in attentato, l’ultimo in Turchia, seguo i tuoi pensieri e sempre più forte si fa in me la convinzione che tu non sia consapevole che qualcuno ti stia manovrando, purtroppo per te e per le tue vittime, chi ti plagia si professa tuo amico ed afferma di credere nei tuoi valori  giusti o sbagliati che siano (non son qui per giudicarti) nessuno però ti ha detto che questo è l’oblio della storia che si ripete e comincia così:
once upon a time, in un tempo lontano lontano ma neanche troppo nel medioevo, del tuo odiato occidente,  vivevano re, imperatori e papi più interessati al potere ed allo sfarzo che al loro ruolo ecumenico di giustizia e forti della loro erudizione facendo leva sulla scarsa istruzione dei loro sudditi e, dopo averli ridotti alla fame ed aver “cavato il sangue anche dalle rape” (le rape sono un vegetale quindi prive di sangue il detto intende, infatti, evidenziare l'avidità che li contraddistingueva) hanno scoperto, anzi lo sapevano già, che dal lontano/vicino oriente provenivano le più profumate spezie, le più rare fragranze, i più preziosi tessuti, le più sfavillanti gemme hanno scoperto però che avevano finito i soldi e che le reali casse erano vuote e nessuno più intendeva rifornirli a credito.

Ed allora che fare per continuare a mantenere l’ingordo stile di vita, nonostante quegli antipatici mercanti orientali non volessero più fargli credito?

Ecco la soluzione, rubare! 

Ma a rubare con stile come si fa?

Mumble … mumble...

 
ecco la soluzione!

Convinciamo quei poveri ignoranti dei nostri sudditi che la frase dalle lettere di Paolo trovi giusta traduzione in “...obbligateli ad entrare...” in barba al fatto che traducevano un testo dal greco antico e che in tale lingua, come in molte altre, il contesto in cui la frase è inserita financo l’intonazione con cui è pronunciata modificano ed estendono il significato delle parole, ma a loro era utile quella interpretazione perché gli dava la possibilità di promuovere delle guerre sante e saccheggiare a manbassa  terre, mercanti e tesori d’oriente, si forse anche quelli di tuoi lontani progenitori.

Sembra una storia delle mille ed una notte ed invece è la storia di noi infedeli che abbiamo impiegato secoli ad affrancarci da un dominio oppressore ed abbiamo fatto ben pochi piccoli passi.

Ora starai pensando: ma allora mi dai ragione!

No! 

perché è anche la tua storia, quella del tuo popolo che da colto ed illuminato pensatore padre dei più illuminati filosofi si è fatto ingabbiare da ingordi mercenari di valori morali.

Per questioni geografiche nasco cattolica, ma per ragioni molto personali sono atea, ciò non significa che non ricerchi rimango però scettica verso tutte le forme di fanatismo e di indottrinamento perché dalle nostre parti c’è un altro detto “cambiano gli attori ma la commedia è sempre la stessa”.

La prossima volta che mediti un attentato non ti accontentare dell’interpretazione del verbo che ti fornisce, bella pronta, un qualche sedicente saggio. 

Per bene che ti vada la tua guida spirituale è una persona in buona fede che ti ripropone pedissequamente quello che qualcun altro gli ha insegnato, se ti va male il tuo mentore ha come progenitori quegli avidi ingordi che hanno promosso le crociate e gli unici valori a cui è interessato sono l’ammontare del suo patrimonio ed il potere che detiene.

Se mi posso permettere, prima di sfogare il tuo disappunto prova a leggere il corano in differenti traduzioni, perché se per te, come credente, la parola di dio è oggettiva, ricorda che chi traduce anche se inconsapevolmente ed incolpevolmente inserisce il proprio pensiero ed il proprio retroterra culturale rendendola soggettiva. 

Fatto questo stila due liste: una con in motivi per cui vale la pena di fare un attentato e l’altra con i motivi per cui vale la pena di non fare un attentato, inverti le liste e scoprirai che ti rimarranno ben pochi inconsistenti motivi per proseguire nel tuo intento omicida, a questo punto cambia la prospettiva di lettura, incanala il tuo odio, dai nuova luce e valore alle tue motivazioni riscopri il piacere di abbracciare chi ami e manda in c..o quelli che di te e dei tuoi cari se ne fregano perché ingordi pensano solo a ciò che possono ancora accumulare in ricchezza e potere.

PS  se ti ho convinto a non fare attentati ma a costruire gioia per tutti indipendentemente da razza, per razza intendo non solo quella umana ma anche tutte le altre creature, colore della pelle, fede religiosa o generosità morale
scrivimi raccontami la tua storia mi farà piacere condividerla, i progetti positivi sono contagiosi chissà che non si riesca a far cambiare idea a qualche altro terrorista.


Ah dimenticavo, a volte troverai ostilità ed ostracismo ma la perseveranza paga, non avrai più soldi o beni di lusso ma il vero lusso è svegliarsi la mattina sapendo che anche una goccia nel mare lo rende tale.


Note di redazione: 
per questo post ho usato alcune immagini tratte dal web spero che i legittimi proprietari vorranno graziosamente concedermene l'uso che ha solo scopo misericordioso, qualora non si sentissero rappresentati potranno scrivere una mail per chiedere la cancellazione, in tal caso sarà mia sollecitudine provvedere alla rimozione.

Grazie a Tutti.
Maura

Nessun commento:

Posta un commento

I Post Recenti

I Primi Post