Benvenuto,

Benvenuto nel blog qui trovi

Cucina vegan, Yoga, Rimedi naturali, Autoproduzione, Stile vegan, Impressioni di lettura, Mandàla per l'anima, Animali si nasce, Caro amico ti scrivo

Da questo blog puoi prelevare tutto quello che ti piace, se pubblichi, per correttezza nei confronti delle fonti da cui attingo, ricordati di citare l'autore che trovi in calce ai post. Grazie.


martedì 20 dicembre 2016

Zimino o Zemin genovese di ceci


Ingredienti per 4 commensali:
250 gr. di ceci secchi
300 gr. di bietole 
20 gr. di funghi secchi 
1 scalogno 
1 spicchio d'aglio 
1 costa di sedano 
3 pomidoro maturi
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
olio evo qb 
sale qb
pane tipo casereccio


facile

3 ore ceci + 25 min zimino

 1 giorno ammollo +  cottura

Preparazione:
mettete a bagno i ceci per almeno 24 ore; 
lavate e mondate le bietole;
trascorse le 24 ore e ponete i ceci in una casseruola e coprite con il doppio del volume di acqua, aggiungete il sale e fate lessare a fuoco basso per 3 ore circa;
nel frattempo ponete in ammollo i funghi in acqua tiepida ricordandovi di cambiare l'acqua 1 volta, una volta ammollati scolateli e strizzateli;  
affettate finemente lo scalogno, tritate il sedano, mondate sbucciate e tagliate a cubetti i pomidoro ed i funghi e poneteli nel wok ben unto d'olio aggiungete anche lo spicchio d'aglio scamiciato e fate soffriggere a fuoco dolce per circa 5 minuti;
scolate i ceci, ma conservate l'acqua di cottura;
aggiungete al soffritto i ceci e proseguite per altri 10 minuti la cottura sempre a fuoco dolce; 
se come me non siete particolarmente amanti dell'aglio a questo punto togliete lo spicchio;nel frattempo tagliate a strisce sottili le bietole ed aggiungetele agli altri ingredienti;
aggiungete il cucchiaio di concentrato di pomodoro, irrorate con un po' del brodo di cottura dei ceci, aggiustate di sale e proseguite la cottura, a fuoco dolce ed a wok coperto per circa 15 minuti;
nel frattempo tagliate quattro (o più) fette di pane e tostatele sino ad ottenere una consistenza croccante fuori e morbida all'interno;
ponete una fetta di pane abbrustolita in ciascuna ciotola(o piatto fondo) affiancate o coprite con lo zimino caldo e servite.

Note di redazione: 
la ricetta non è mia ed ho preso spunto dalla ricetta dell' Accademia Italiana della Cucina.,
Lo zimino è però un classico della cucina povera genovese, anche se povera non vuol dire incompleta infatti in questa ricetta si racchiudono proteine, carboidrati, verdure, grassi (olio evo), miceti (funghi)  

Nessun commento:

Posta un commento