Benvenuto,

Benvenuto nel blog qui trovi

Cucina vegan, Yoga, Rimedi naturali, Autoproduzione, Stile vegan, Impressioni di lettura, Mandàla per l'anima, Animali si nasce, Caro amico ti scrivo

Da questo blog puoi prelevare tutto quello che ti piace, se pubblichi, per correttezza nei confronti delle fonti da cui attingo, ricordati di citare l'autore che trovi in calce ai post. Grazie.


domenica 24 marzo 2013

Visto per Shanghai - Qiu Xiaolong - Marsilio Editore

Autore: Qiu Xiaolong,
Editore: Marsilio (prima edizione italiana 2011)
Pag: 368
Prezzo: €  16,50
Traduzione:  Paola Vertuani 





Feng  Dexiang, arrestato negli Stati Uniti, promette di testimoniare in un processo contro il  capo di una Triade purché  la moglie possa raggiungerlo. 
Il governo cinese  a malincuore acconsente a che un’Agente Federale americana  venga inviata per prendere in custodia e scortare la donna, ma questa scompare. 
Vittima di un rapimento? O il governo cinese ha cambiato idea? 
Le indagini vengono affidate a  Chen Cao   ispettore capo della polizia di Shanghai, colto,  sensibile, affascinante,  un poliziotto-poeta, un letterato esperto di storia cinese e appassionato delle sue tradizioni,  un uomo  moderno, disinvolto, elegante, amante della buona cucina la persona ideale per raccontare la Cina all’ispettrice americana Rohn, in missione a Shanghai. 

Qiu Xiaolong è un maestro nel descrivere la società cinese  che vive nel contrasto tra la modernità occidentale, che si impone di giorno in giorno a velocità vertiginosa  ed, una società piena di storia e tradizioni che porta ancora profondamente incise le ferite  lasciate dal regime di Mao e della Rivoluzione Culturale. 
Il racconto giallo è l’espediente di Xiaolong per, con  una narrazione semplice, molto piacevole ed alla portata di tutti,   tracciare un ritratto di periodi di stravolgimento, anche molto tragici, della storia cinese, focalizzando su come queste due rivoluzioni (quella culturale di ieri e quella moderna di oggi) si ripercuotano in modo viscerale nella vita quotidiana delle persone. Xiaolong ci trasporta nella realtà di tutti i giorni: dalla cucina, alla casa, al lavoro, permettendoci di capire e di scoprire molto di più una cultura come quella della Cina Comunista, così distante dalla nostra e di cui sappiamo molto poco. 

Chen Cao,  consapevole di dover nascondere alcuni dettagli alla sua collega americana  si chiede quanto sia effettivamente marcio il sistema cinese  e,  dove sia il midollo di questo marciume.  

Qiu Xiaolong ci racconta con lucidità e passione la storia recente della Cina: i giorni della rivoluzione culturale, il fanatismo della guardia rossa, la vita grama dei giovani istruiti obbligati a “disistruirsi” nelle campagne. 
Un giallo cinese può anche non essere una cosa scontata.  
Molto piacevole, vi consiglio vivamente la lettura, dopo averlo letto sono andato a cercare le altre opere dello stesso autore e attualmente le sto leggendo.

A presto.
Marco

Nessun commento:

Posta un commento