Benvenuto,

Benvenuto nel blog qui trovi

Cucina vegan, Yoga, Rimedi naturali, Autoproduzione, Stile vegan, Impressioni di lettura, Mandàla per l'anima, Animali si nasce, Caro amico ti scrivo

Da questo blog puoi prelevare tutto quello che ti piace, se pubblichi, per correttezza nei confronti delle fonti da cui attingo, ricordati di citare l'autore che trovi in calce ai post. Grazie.


giovedì 17 aprile 2014

Dolci cuori mandorle ed uvetta (vegan-raw)



Ingredienti (per circa 30 cuoricini):
125 gr mandorle;
1/2 limone biologico buccia grattugiata;
1 cucchiaino (da caffè) succo limone
50 gr uvetta;
2 cucchiai di cocco disidratato grattugiato;
1/2 cucchiaino (da caffè) di polpa vaniglia in polvere;
1 tazzina (da caffè)acqua;

Attrezzi:
bilancia per alimenti, mixer omogeneizzatore, cucchiai e cucchiaini, tazzina da caffè, carta forno, matterello, formine taglia biscotti, pellicola per alimenti

Preparazione:
in una ciotola ponete in ammollo  le mandorle coperte di acqua per circa 2 ore;
trascorso il tempo scolate le mandorle e ponetele nel mixer con l’uva sultanina, la scorza grattugiata del limone e la vaniglia;
aggiungete il succo di limone e poca acqua per volta e frullate sino ad ottenere un impasto ben amalgamato ma sodo;
formate una palla fasciatela nella pellicola e ponete in frigo 1 ora (per quanto mi riguarda l’impasto è rimasto in frigo 2 giorni);
riprendete l’impasto e ponetelo su un foglio di carta forno cosparso di polvere di cocco, coprite con un altro foglio di carta forno con il mattarello stendete l’impasto allo spessore di circa 5-7 mm, con la formina ricavate i cuoricini e spolverate con il cocco grattugiato.

Note di redazione: 
qualche giorno fa sono rimasta folgorata dalla gustosissima ricetta dei Linzer cookies vegan della dolcissima  Lucia "La BalenaVolante" così ho provato a replicarli, la mia provata incapacità e sbadataggine hanno però fatto si che non avessi frutta disidratata per fare la marmellata raw, che dimenticassi per 2 giorni l'impasto in frigo e che una volta tanto che volevo utilizzare l'acqua di rose (quella alimentare che si trova nei negozi etnici) al posto dell'acqua ovviamente ne ero rimasta sprovvista. 
Il risultato sono i cuoricini decisamente dolcemente limoneggianti ma graditissimi da maritino, mamma e si sono riuscita a salvarne 3 anche per me.

Pochi giorni ci separano dai festeggiamenti di Pasqua così spero di farVi cosa gradita inserendoVi di seguito il link al Menù Vegan di Pasqua di AgireOra ed augurandoVi una Serena Pasqua di Pace ed Amore per tutte le Creature!

Nessun commento:

Posta un commento