Benvenuto,

Benvenuto nel blog qui trovi

Cucina vegan, Yoga, Rimedi naturali, Autoproduzione, Stile vegan, Impressioni di lettura, Mandàla per l'anima, Animali si nasce, Caro amico ti scrivo

Da questo blog puoi prelevare tutto quello che ti piace, se pubblichi, per correttezza nei confronti delle fonti da cui attingo, ricordati di citare l'autore che trovi in calce ai post. Grazie.


.

venerdì 7 febbraio 2014

Burro vegetale di soia



Ingredienti:
400 ml latte soia
1+ 1/2  cucchiaio (da minestra) di aceto mele
60 gr olio di cocco (solido)
1 cucchiaio (da minestra) olio evo
1 cucchiaino (da tea) lecitina di soia
1 cucchiaino (da tea) acqua tiepida
1 pizzico sale

Attrezzi:
bilancia per alimenti, dosa liquidi, cucchiai e cucchiaini, pentola con coperchio, colino grande, canovaccio, contenitore a bordo alto e frullatore ad immersione, mortaio e pestello (piccoli), spatola per alimenti, ciotola o forma per burro


facile

5 minuti

5 minuti di cottura+4/6 ore per il rassodamento


Preparazione:
versate il latte nella pentola e portatelo quasi ad ebollizione (quando sul bordo della pentola si formano le bollicine) versate l'aceto mescolate, ritirate dal fuoco, coprite con il coperchio e lasciate riposare per 10 minuti;
disponete il canovaccio nel colino e versatevi il siero ed il caglio formatosi;
fate scolare, e sciacquate il caglio con acqua fredda per attenuare/eliminare il gusto dell'aceto e strizzate;
sminuzzate la lecitina di soia e stemperatela con l'acqua tiepida;
riunite nel contenitore a bordo alto la lecitina,l'olio di cocco (solido), l'olio evo, il sale, il caglio e frullate sino ad ottenere una crema omogenea;
aiutandovi con la spatola trasferite la crema nella ciotola o nella forma per burro e ponete in frigo a rassodare (i tempi dipendono dalla potenza del frigo)

Ho ottenuto circa 115 gr di burro di soia

Ricetta tratta fedelmente da: La Balena Volante Burro vegan autoprodotto, che ringrazio infinitamente per aver pubblicato la ricetta ed avermi permesso di ripubblicarla.

Note di redazione: fatto salvo per le dosi che ho ridotto per adeguarle al quantitativo di burro di cocco che sono riuscita a produrre, l'unica modifica che mi sono permessa è stata di usare l'olio di cocco direttamente solido (sotto i 25 gradi centigradi circa l'olio di cocco si presenta allo stato solido).
Scusate la foto molto minimal (questa è la consistenza dopo 2 ore circa di frigo).
Non ho utilizzato una formina perché ho intenzione di utilizzare subito il burro per preparare una torta e, per farlo assaggiare al maritino e testare se gli piace, a questo proposito ma dove è sparito? Meno male che aveva promesso di aiutarmi, mi sa che ricomparirà a torta pronta!

Nessun commento:

Posta un commento

I Post Recenti

I Primi Post