Benvenuto,

Benvenuto nel blog qui trovi

Cucina vegan, Yoga, Rimedi naturali, Autoproduzione, Stile vegan, Impressioni di lettura, Mandàla per l'anima, Animali si nasce, Caro amico ti scrivo

Da questo blog puoi prelevare tutto quello che ti piace, se pubblichi, per correttezza nei confronti delle fonti da cui attingo, ricordati di citare l'autore che trovi in calce ai post. Grazie.


.

domenica 24 novembre 2013

Non smoothies banana caffè e cacao


Ingredienti per 3 coppette:
1+1/2 banana (piuttosto grandi mature ma sode)
1 tazzina di espresso (né ristretto né lungo, non zuccherato)
1 cucchiaio (da minestra) raso di cacao amaro
1 cucchiaio (da minestra) raso di olio di mandorle (assolutamente ad uso edule)
1+1/2 cucchiaino (da tea) concentrato di dattero
non superfluo ribadire per quanto vi sia possibile che gli ingredienti siano bio e/o provenienti dal commercio equo/solidale

Attrezzi: cucchiai e cucchiaini , coppa e coppette, coltello, frullatore ad immersione, caffettiera e macchina per il caffè
 facilissima

 2 ore compreso raffreddamento

 salvo la preparazione del caffè, nessuna

Preparazione:
ponete le banane in freezer a raffreddare per circa un'ora (tutte vestite della loro buccia! Spiego, ne ho usate due ma mezza poi è finita nella ricetta del tofu delle isole);
preparate(Vi) un buon caffè, è sempre l'ora per un buon caffè, MA ricordatevi di tenere da parte quello che utilizzerete per gli smoothies;
riprendete le banane, sbucciatele, tagliatele a metà quindi a rondelle e trasferitele nella ciotola;
aggiungete il cacao, il concentrato di dattero ed il caffè che nel frattempo si sarà raffreddato;
omogeneizzate il tutto con il frullatore ad immersione sino ad ottenere una consistenza liscia liscia e magari pure un po'cremosa;
suddividete nelle coppette e ponete in frigo almeno 1 ora.

Quasi fedelmente tratta da: la ricetta perfetta - Budino di Banana Caffè e Cacao

Note di redazione: sulla via del web sono stata colta da una rivelazione "il budino di banana caffè e cacao" rapita dal desiderio  benché stessi per l'appunto già preparando il tofu delle isole, e la torta crumble mi sono tuffata nella preparazione. 
In effetti, non mi è riuscito denso come l'originale, imputo la diversa consistenza ad un uso smodato del caffè (nella ricetta originale non è indicata la quantità) ed all'uso dell'olio di mandorle in luogo di quello di cocco che a bassa temperatura solidifica.
Il non smoothie deve il suo nome al fatto che non potevo classificarlo come un budino la consistenza è quella dello smoothie, ma leggendo il vero significato la filosofia non era la stessa; il risultato è stato comunque gradevolissimo, peccato sia finito troppo presto.

Nessun commento:

Posta un commento

I Post Recenti

I Primi Post