Benvenuto,

Benvenuto nel blog qui trovi

Cucina vegan, Yoga, Rimedi naturali, Autoproduzione, Stile vegan, Impressioni di lettura, Mandàla per l'anima, Animali si nasce, Caro amico ti scrivo

Da questo blog puoi prelevare tutto quello che ti piace, se pubblichi, per correttezza nei confronti delle fonti da cui attingo, ricordati di citare l'autore che trovi in calce ai post. Grazie.


venerdì 8 novembre 2013

Dolce torta alla ♥V♥ricotta


Ingredienti per torta (teglia diam. 20-22):

Composto asciutto:
200 gr farina
1/2 cucchiaino di polvere di vaniglia
1 pizzico di sale
1 bustina di cremor tartaro

Composto umido:
3 cucchiai (da tavola) purea di mela
130 gr zucchero di canna chiaro (equo e slidale)
1 limone bio buccia grattugiata
20 gr burro soia
200 gr ♥V♥ricotta vegetale ricca
2 tazzine (da caffè) latte soia (a volte un po' meno dipende dall'umidità degli altri ingredienti)
qualche goccia olio essenziale di limone assolutamente bio ed ad uso edule (facoltativo)
 facile

 2 ore cottura compresa

 45/50 minuti


Attrezzi:
dosa liquidi, bilancia per alimenti, timer, cucchiai e cucchiaini, fruste per dolci (se l'avete quelle elettriche come nel video del link in calce, altrimenti come me frusta a mano e olio di gomito), setaccio, ampie ciotole e tazzina, tortiera apribile io diam. 22 del 20 risulta un po' più alta, foglio di carta alluminio per forno brucia tutto, stecco da cucina lungo

Preparazione:
-preriscaldate il forno a 180° in modalità statica;
-ungete la teglia;
-in una ciotola setacciate insieme la farina, la vaniglia in polvere, il sale (per il momento non aggiungete il cremor tartaro);
-grattugiate la buccia del limone e miscelatela con un pizzico di zucchero (serve ad imprigionare l'olio essenziale contenuto nella buccia);
-nell'altra ciotola disponete la purea di mela, lo zucchero e la buccia di limone quindi lavorate con le fruste per far incorporare l'aria (con le fruste elettriche occorre qualche minuto a mano una decina, dipende dalla periartrite scapolo-omerale Ululante);
-nella crema così ottenuta, sempre usando le fruste,  incorporate con cura il burro di soia e poco alla volta la ricotta, quando il composto risulta ben amalgamato ed omogeneo aggiungete 1/2 tazzina, abbondante, di latte di soia ed amalgamate;

-risetacciate il composto asciutto aggiungendo il cremor tartaro;
-sempre con l'utilizzo delle fruste e sempre setacciando incorporate poco per volta il composto asciutto in quello umido, se il tutto risultasse eccessivamente asciutto incorporate ancora poco latte di soia (regolatevi a vista) la consistenza da ottenere è corposo/cremosa;
-disponete nella tortiera (solo per i felici possessori di forno brucia tutto: con l'alluminio coprite la teglia  formando una sorta di cupola coperchio); 
-infornate per 40 minuti, trascorso il tempo fate la prova stecco che deve uscire asciutto e pressoché privo di residui d'impasto (scrivo pressoché anziché privo e basta perché la torta di ricotta ha la caratteristica di essere un po' umida);
-rimuovete la cupola di alluminio e proseguite la cottura per altri 5/10 minuti, quindi rieffettuate la prova stecco, se la torta è cotta spegnete il forno e lasciatela riposare al suo interno altri 5 minuti  quindi sfornate, rimuovete delicatamente il cerchio/bordo della tortiera, non il fondo che invece rimuoverete a torta tiepida.

Giuro è più complicato descrivere la preparazione che eseguirla e poi...il risultato vale la pena!

Note di redazione: ogni tanto mi capita di fissarmi con ricette che chissà perché non ho mai preparato, anche prima della svolta vegan, è per l'appunto il caso della torta alla ricotta. 

Fedelmente (o quasi) tratta da: Veglife Channel Ciambella di ricotta vegan

5 commenti:

  1. ahahah!! Grande!! Ma quante ricette nuove ultimamente, che meraviglia! Anche a me da veg capita di fissarmi su piatti che da 'onnivora' ignoravo, soprattutto dolci.. per esempio la cheese cake! Quella 'tradizionale' non mi piaceva.. ora è uno dei dolci veg che preferisco! Proverò questa torta, così sperimento l'uso della vostra ricotta ricca! bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucia, infatti, la tua no cheese cake come una sirena continua a ripetermi preparamiiii sono buonissimaaaa e pensare che non ho mai mangiato una cheese! Il prossimo fine settimana mi procurò tutti gli ingredienti e cedo alle malie!

      Elimina
  2. :-) Ultimamente per la cheese cake vegan a un corso di pasticceria veg ho sperimentato la variante tofu- cake (senza agar agar), e devo dire che è davvero molto buona! La ricetta che ho proposto viene ancora più golosa se hai delle mandorle o degli anacardi da tritargli dentro.. mi saprai dire! Sto scoprendo che esistono infiniti modi per preparare dolci golosissimi, senza 'rinunciare' a nulla..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un corso di pasticceria veg? Ma tu non vivi a Genova, tu vivi in paradiso! Devi cambiare il nome al tuo blog in Un diavolo tentatore in paradiso! Lussurie veg! Inutile dire che cederò ad ogni tentazione e preparerò una bomb cheese, potrei forse rinunciare a cogliere il tuo consiglio ed omettere le mandorle? Mai e poi mai! Beh per sentirmi meno in colpa starò sul leggero e pubblicherò la ricetta della vellutata di zucca. Un virtuabbraccio. Maura

      Elimina
  3. Eh, per il corso di pasticceria veg sono andata a Milano a dire il vero :-))) Ho ancora molti amici lì, così ho combinato un giro di visite e corso.. che è stato pazzesco! Se dovessero farne qui in zona comunque mi fionderei subito, è una bellissima occasione per conoscere persone con cui condividere questa nostra passione e si imparano un sacco di trucchetti :-) Toh.. ma c'è qualcuno sulla balenavolante.. asp.. ma sei tu!!! ahahah mentre ero qui a scriverti, tu eri da me.. siamo a ritmo!!! a presto Maura, aspetto news sulla cheese cake! un bacione a presto!!

    RispondiElimina