Benvenuto,

Benvenuto nel blog qui trovi

Cucina vegan, Yoga, Rimedi naturali, Autoproduzione, Stile vegan, Impressioni di lettura, Mandàla per l'anima, Animali si nasce, Caro amico ti scrivo

Da questo blog puoi prelevare tutto quello che ti piace, se pubblichi, per correttezza nei confronti delle fonti da cui attingo, ricordati di citare l'autore che trovi in calce ai post. Grazie.


lunedì 4 marzo 2013

Il metodo del coccodrillo - Maurizio De Giovanni - Mondadori Editore



Editore: Mondadori
Data di Pubblicazione: Aprile 2012
Prezzo: € 17,00
Pagine: 247
Formato: brossura
Apprezzamento:


Napoli, come difficilmente la troviamo descritta, borghese, inospitale , cupa e distratta, dove ognuno sembra preso dai propri affari, questo  permette ad un killer freddo e metodico di agire indisturbato, di mischiarsi alla folla come fosse invisibile. 
I giornali lo hanno soprannominato "Il Coccodrillo" perché, dopo ogni omicidio, apparentemente  sembra abbia pianto, una perfetta macchina di morte, si apposta, osserva, aspetta,  quando la preda è a tiro, colpisce. 
Tre giovani, di età e provenienza sociale diverse, vengono trovati morti in tre differenti quartieri, freddati dal colpo di un'unica pistola. 
L'ispettore Giuseppe Lojacono  è appena stato trasferito a Napoli dalla Sicilia, perché un  collaboratore di giustizia lo ha accusato di passare informazioni alla mafia, così ha appena perso tutto, la famiglia e la carriera ma è l'unico che non si ferma alle apparenze.  
Sarà la giovane sostituto procuratore incaricata delle indagini, Laura Piras, a decidere di dargli un'occasione, colpita dal suo spirito di osservazione,  così Lojacono, a dispetto di gerarchie e punizioni, l'aiuterà a trovare il collegamento, apparentemente inesistente, tra i delitti. 
De Giovanni, che ha dato vita ad un nuovo personaggio  con questo libro ci trascina in  una storia  amara e spietata, ad affrontare l'incubo di tutti i genitori, la perdita di un figlio. 
La trama si costruisce sull'architettura dei piani perfetti del coccodrillo che il Protagonista, con il suo fiuto e la sua simpatica costanza, sgretola capitolo dopo capitolo portandoci verso un quasi lieto fine che lascia un nodo alla gola e molto amaro in bocca.
Da leggere.
A presto
Marco 

Nessun commento:

Posta un commento