Benvenuto,

Benvenuto nel blog qui trovi

Cucina vegan, Yoga, Rimedi naturali, Autoproduzione, Stile vegan, Impressioni di lettura, Mandàla per l'anima, Animali si nasce, Caro amico ti scrivo

Da questo blog puoi prelevare tutto quello che ti piace, se pubblichi, per correttezza nei confronti delle fonti da cui attingo, ricordati di citare l'autore che trovi in calce ai post. Grazie.


.

lunedì 30 luglio 2012

Ravioli vegan di patate


Per 7 persone:



Sfoglia:
Ripieno:
Sugo:
Attrezzi:
gr. 450 di semola di grano duro
gr. 1300 di patate bianche farinose
1 lt. Di passato di pomodoro
Robot da cucina
gr. 150 farina di ceci
1 carota piccola
3 chiodi di garofano
Pentola - casseruola
ml. 300 acqua
1 gambo di sedano piccolo
2 foglie di alloro
Mattarello e rotella tagliapasta
1 cucchiaino da tea scarso di curcuma (per il colore)
2 ciuffetti di prezzemolo
250 ml. Di vino rosso
schiacciapatate
1 pizzico di sale
1 quarto di cipolla
½ cipolla
Spianatoia
1 cucchiaio da minestra scarso olio ex. Vergine oliva
2 spicchi d’aglio
1lt. Brodo vegetale
Macchina per stendere la pasta

Noce moscata q.b.
Sale q.b.
Stampo per ravioli

Sale q.b.
Pepe q.b.


Pepe q.b.
Olio ex. verg. Oliva q.b.
Tritatutto e spremi aglio

Olio ex. Verg. oliva q.b.
1 peperoncino secco piccolo
Contenitore per pasta

5 cucchiai di fecola di patate






Preparazione:
Fare bollire le patate con la buccia (non lavate) 40 min. circa scolarle a caldo e lasciare intiepidire con la buccia.
Miscelare le due farine nel robot da cucina aggiungere l’olio e l’acqua quindi mescolare circa 1 minuto, terminare l’impasto a mano ancora per 1 minuto circa, fasciare nell’alluminio e riporre in frigo per circa ½ ora.
Sbucciare le patate tiepide e schiacciare (se possibile con lo schiaccia patate)
Tritare finemente carota, cipolla, sedano, prezzemolo e spremere l’aglio quindi soffriggere senza far imbrunire l’aglio.
Mescolare le patate schiacciate il con il soffritto, la noce moscata (secondo gusto) e la fecola di patate sino ad ottenere un composto omogeneo e compatto.
Stendere la pasta con la macchinetta per pasta con spessore al 4 (non troppo sottile) adagiare sullo stampo, infarinato per ravioli e riempire adagiare quindi la seconda sfoglia e far aderire (o formare a mano libera e tagliare con la rotella).

In una casseruola antiaderente far imbiondire  la cipolla, tritata finemente, con l’olio, aggiungere il vino rosso, i chiodi di garofano, l’alloro, il peperoncino e fare restringere a fuoco basso, rimuovere i chiodi garofano ed il peperoncino e chiuderli in una garza rimettere in cottura ed aggiungere la passata di pomodoro far cuocere per circa un’ora aggiungendo brodo vegetale se necessario, quando il sugo si sarà ristretto eliminare la garza con i chiodi di garofano ed il peperoncino, le foglie di alloro invece possono servire come guarnizione al piatto.

N.b. l’impasto tende ad asciugare velocemente è quindi necessario tenerlo coperto sempre, se i ravioli si fanno a mano libera è possibile stendere la pasta più sottile,  con la macchina, se il passo è più stretto dello stampo, bisogna lasciarla più spessa per poterla adattare allo stampo senza che si rompa, i ravioli possono essere congelati e cotti in seguito.







1 commento:

  1. buoni! :) grazie mille, questa va benissimo! :)
    Buona serata e a presto! :)

    RispondiElimina

I Post Recenti

I Primi Post