Benvenuto,

Benvenuto nel blog qui trovi

Cucina vegan, Yoga, Rimedi naturali, Autoproduzione, Stile vegan, Impressioni di lettura, Mandàla per l'anima, Animali si nasce, Caro amico ti scrivo

Da questo blog puoi prelevare tutto quello che ti piace, se pubblichi, per correttezza nei confronti delle fonti da cui attingo, ricordati di citare l'autore che trovi in calce ai post. Grazie.


.

lunedì 7 maggio 2012

Latte di soia



Ingredienti:
100 gr di soia gialla
1 lt di acqua
1 pizzico di sale
vaniglia, datteri, uva passa (facoltativi, secondo gusto)
acqua per ammollo

Attrezzi:

pentola a bordo alto, bilancia per alimenti, dosa liquidi, frullatore ad immersione, cucchiaio di legno,  colino (grande) a maglie fitte, canovaccio in tela naturale lavato senza saponi e/o profumi, imbuto, bottiglia di vetro da 1 lt 

Procedimento:

l'ammollo 24 ore:
porre la soia in una pentola e coprire con l'acqua nel volume di 1 volta e 1/2 quello della soia, nell'arco dell 24 ore l'acqua va cambiata 3 volte
l'ammollo 8-12 ore:
se avete fretta potete ridurre il tempo di ammollo utilizzando acqua tiepida; in estate, con il caldo intenso utilizzate acqua a temperatura ambiente ma con il tempo di ammollo ridotto come per l'acqua tiepida la cottura:
terminato l'ammollo, scolare la soia con il colino e risciacquare un attimo sotto l'acqua corrente, porre la soia nella pentola, aggiungere 500 ml di acqua e frullare il tutto con il frullatore ad immersione (più la soia è frullata finemente più ricco sarà il latte, si forma molta schiuma, schiumare), aggiungere i restanti 500 ml d'acqua, il pizzico di sale, (se si desidera ottenere un sapore più dolce inserire 1/2 bacello di vaniglia inciso a metà in verticale, oppure 2 datteri, oppure 8/10 acini di uva passa), porre sul fornello e cuocere a fuoco moderato mescolando continuamente con il cucchiaio di legno sino a che non bolle (attenzione fuoriesce velocemente), togliere dal fuoco
l'mbottigliamento:
inserire l'imbuto nella bottiglia e porre al suo interno il colino, versare lentamente il latte, far scivolare nel colino la polpa, trasferire la polpa nel canovaccio e strizzare bene, si ottiene ancora altro latte, lasciare intiepidire il latte e conservare in frigo (si conserva 2/3 giorni)
Il recupero:
  • non gettare la polpa, detta okara, si può usare fresca od essiccata per gustose ricette
  • ti avanza il latte di soia non lo gettare autoproduci il tofu o la maionnaise
Liberamente tratto da: ricetta inviatami dalla redazione di YG

Nessun commento:

Posta un commento

I Post Recenti

I Primi Post