Benvenuto,

Benvenuto nel blog qui trovi

Cucina vegan, Yoga, Rimedi naturali, Autoproduzione, Stile vegan, Impressioni di lettura, Mandàla per l'anima, Animali si nasce, Caro amico ti scrivo

Da questo blog puoi prelevare tutto quello che ti piace, se pubblichi, per correttezza nei confronti delle fonti da cui attingo, ricordati di citare l'autore che trovi in calce ai post. Grazie.


venerdì 3 agosto 2012

Bellezza in bicicletta

Molly "Bellezza in bicicletta"

Eccomi!!! La Vs. Molly,
chi meglio di me poteva spiegarvi come andare confortevolmente a spasso in bicicletta  anche se non siete un 
Chiwawa
da borsetta (a proposito lasciatevelo dire da una che frequenta, non gli piace affatto vivere in borsetta, lo tollerano ma solo se è necessario per stare vicino al loro beneamato bipede e per il più breve tempo possibile e, come me, non amano essere i Vs. pagliacci con vestitini di discutibilissimo gusto, basta solo un cappottino per i rigori dell'inverno, perché noi cani d'appartamento non sviluppiamo il sotto-pelo) ma non siete neppure un 
Gran Danese
che ai pedali ci arriva da se (è vero, ma ricordatevi che anche se è grande nelle misure il suo animo ed il suo cuore sono delicati come una leggerissima farfalla, non sottoponetelo a sforzi sconsiderati)


Ma ritorniamo a noi, se come me potete vantare misure perfette 
lunghezza cm. 53
altezza cm 39
peso kg 11


vi manca solo qualche piccolissimo dettaglio, che vi elenco di seguito:


1 meraviglioso papà eroico cavaliere: la forza ed il valore
1 mamma pignola fai da te: il progetto ed i materiali
1 bicicletta usata
1 portapacchi posteriore se la bici non è già dotata


1 cestino, che il fidato negozianteha trovato mettendo a soqquadro tutto il negozio, mosso a compassione dai tristi occhi di mamma traboccanti di lacrime per la sua piccina (che attrice quasi quasi mi mettevo a piangere anche io) "la prego se non troviamo un cestino adatto sarò costretta a far correre nel traffico la piccina accanto alla bicicletta, me la schiacceranno dopo 1 minuto, la prego",  € 10,00


4 staffe multiforo
8 bulloni
8 dadi per bulloni
1 cinghia per il portapacchi da auto
1 fibbia ad innesto 
2 fibbie passanti
1 set di lucine per bici
1 catarifrangente dotato di bulloncini incorporati/ relativi dadi
1 staffa multiforo per fissare il catarifrangente
€ 11,00 totale


divanetto per gatti,  € 10,00, in saldo ovvio
forbici, ago, filo e tanta pazienza ed il gioco è fatto
per un totale complessivo di € 31,00


prima di fissare il cestino alla bici rimuovete la chiusura originale della cinghia,  fate passare la cinghia attraverso i fori del cestino (come nella 2 foto sotto), 
inserite in ogni capo le fibbie passanti e quindi la  fibbia ad innesto:
-per il retro, ponendo all'apice dell'occhiello la 1/2 fibbia ad innesto, il capo della fibbia dovrà essere cucito intorno alla staffa centrale della fibbia passante in modo da rendere questa parte, che serve a far mantenere la posizione seduta, regolabile in lunghezza
-per il davanti, ponendo all'apice dell'occhiello la 1/2 fibbia ad innesto, far ripassare il capo della cinghia nella fibbia passante, quindi in un foro del cestino (vedi foto sotto) e cucite, questa parte funziona da pettorina deve quindi consentire il passaggio della testa e mediante lo scorrimento della fibbia passante impedire l'accidentale sbalzo in avanti in caso di brusca frenata.
Fissate sul retro il catarifrangente, le lucine (da porre sul lato sinistro) potete metterle anche dopo, quelle che ho io si fissano  con un nastro di elastico e velcro, ora potete passare all'ancoraggio del cestino al portapacchi posteriore.
particolare fibbie

particolare di divanetto, cinghia e fibbie

Sistemate le staffe come in foto sotto, anche se non si vede sono 2 per lato, 1 all'interno del cestino ed in corrispondenza 1 sotto il portapacchi,  fate passare i bulloni (dovranno essere lunghi almeno 4 cm) ed abboccate i dadi.
Terminato l'abbocco entrerà in scena il prode cavaliere con due chiavi inglesi di opportuno diametro, una per il bullone ed 1 per il dado, provvederà a strizzare insieme le due staffe complementari (fermatelo prima che in un eccesso di zelo stringa troppo e spacchi tutto)

particolare di cestino, cinghia, staffe e dadi, lucina, retro da catarifrangente 

bene avete pressoché finito fissate le lucine sul lato sinistro, dietro quella con luce rossa e davanti quella con luce bianca, mi raccomando fissatele in modo che siano visibili il più lontano  possibile.
Ora dovete solo sistemare il divanetto imbottito che rimarrà asportabile, così se piove non si inzuppa e se la bici rimane a lungo posteggiata non ne dovrete constatare la sparizione e conseguente migrazione ad altro utilizzatore.

Ed ora buona passeggiata a tutti.

Bacioni.

Nota di redazione della mamma: 
la soluzione che vi ho proposto è nata perché, montato su una bici posteggiata (alla cui proprietaria ho lasciato un biglietto nel cestino, grazie Barbara per avermi risposto, purtroppo ho dovuto resettare il cellulare ed ho perso tutti i numeri compreso il tuo) ho visto un  bellissimo trasportinoper le nostre finanze costava troppo e non era adattabile alla mia bici.
Per cani oltre i 12-15 kg al massimo, occorre un cesto più grande ed un supporto, di forma e dimensione pari al cesto, in legno spesso almeno 1 cm, essenze tipo iroko, teak o altro legno non particolarmente sensibile all'umidità e, comunque sempre trattato con flat nautico impermeabilizzante.
Anche se siete tentati, non fissate il cestino al portapacchi anteriore, un cane di 5  chili o più, se si agita, vi fa cadere in un'attimo e rischiate entrambi di farvi male.
La prima volta che portate il vs. pelosetto nel cestino non pretendete di fare il giro d'Italia, recatevi in un posto tranquillo lontano dai pericoli del traffico,  camminando, possibilmente in direzione rettilinea (le prime volte curve e zig zag potrebbero provocare senso d'insicurezza), fate un piccolo giretto voi a piedi reggete la bici ed il cagnolino nel cestino, premiatelo se rimane calmo, se si agita dategli tregua, fermatevi e rassicuratelo eventualmente fatelo scendere ad odorare l'ambiente e quindi riprovate. 
Noi siamo stati molto fortunati Molly si è divertita da subito. 
L'unica regola è che papà sta dietro con la sua bici, che se passa avanti potrebbe scappare e non tornare più ed allora io mi agito e voglio scendere a tutti i costi per raggiungerlo.
Ultimissimo avviso anche se avete delle mountain bike dotatele di luci, la sera quando usciamo per la passeggiata vedo continuamente sagome avvolte nell'oscurità transitare in bici e, regolarmente qualche automobilista distratto frena ad un millimetro dall'avventato.
Chi è in auto, spesso per velocità, spesso per le luci stradali che fanno pietà, non vi vede sino all'ultimo secondo, lo so che dovrebbe stare attento ma, in caso di incidente, la peggio è sempre del ciclista, non ne vale la pena, un set di luci decoroso, all'iper, costa al massimo € 15,00


Nessun commento:

Posta un commento