Benvenuto,

Benvenuto nel blog qui trovi

Cucina vegan, Yoga, Rimedi naturali, Autoproduzione, Stile vegan, Impressioni di lettura, Mandàla per l'anima, Animali si nasce, Caro amico ti scrivo

Da questo blog puoi prelevare tutto quello che ti piace, se pubblichi, per correttezza nei confronti delle fonti da cui attingo, ricordati di citare l'autore che trovi in calce ai post. Grazie.


mercoledì 6 giugno 2012

Neti lota




Eccomi qui a parlavi di quella che è comunemente chiamata lota, tralascio volutamente gli aspetti religiosi legati alla purificazione nel culto indiano per evidenziarvi invece l'aspetto igienico/preventivo delle pratiche di pulizia delle cavità, in India è praticata anche una pulizia più profonda delle cavità nasali e dello stomaco mediante l'introduzione di lunghe striscie di garze sterili e/o più moderni lacci nasali, vi invito caldamente a non praticare questi esercizi igienici se non siete esperti o seguiti da esperti qualificati.

Ritornando alla lota, sopra trovate un video esplicativo dell'uso, la modella è talmente compassata che nei commenti è stata definita un robot, ho scelto proprio questo video tra i tanti perchè terminata l'esemplificazione dell'utilizzo sono illustrati alcuni semplici esercizi propedeutici all'utilizzo.

Vengo al dunque

Cosa vi occorre:
lota (in commercio se ne trovano di vari tipi essenziale, economica, in plastica come la mia, o raffinate, preziose, in ceramica)
240 ml. (1cup) acqua tiepida (secondo la vs. temperatura corporea, per me: 36,2°C 96,8°F);
4 gr. (0,14 oz.)1 cucchiaino (da tea) sale fino non iodato (il cucchiaino preferibilmente non deve essere di metallo);
fazzolettino
dosa liquidi

Come si procede:
eseguite gli esercizi preparatori proposti nel video (scordo di farli 2 volte su 3, non imitatemi),
dosate l'acqua tiepida e scioglietevi dentro il sale, 
riempite la lota con il composto acqua/sale, 
posizionatevi sul lavandino o su di una bacinella, 
chinatevi lievemente in avanti, 
ruotate il capo con il volto rivolto nella direzione di una delle due spalle
DURANTE LA PULIZIA SI INSPIRA ED ESPIRA CON LA BOCCA
appoggiate la lota alla narice posta più in alto,
schiudete lievemente la bocca (per permettere il flusso del respiro),
e fate scorrere  l'acqua (che deve risultare di temperatura gradevole alle mucose), 
entra dalla narice posta in alto ed esce dalla narice più in basso,
quindi ripetere tutto dal lato opposto,
soffiate fuori , energicamente,  l'acqua residua dalle narici
prima da una narice premendo lievemente un dito sull'altra per occluderla e viceversa.

Note: 
il sale disciolto ha funzione disinfettante ed impermeabilizzante delle mucose nasali impedendo e/o limitando l'assorbimento dell'acqua che andrebbe ad irritarle provocando sensazione di bruciore.

Occorrono un po' di prove per trovare la giusta temperatura tiepida gradita alle narici (la mia temperatura è 36,2-36,3 °C quindi per me: 36,2°C 96,8°F), ma una volta trovata, al termine della pratica si avrà una piacevolissima sensazione di freschezza e fluidità del respiro.

Nei periodi di maggior pollinazione è utile eseguire la pulizia il mattino appena alzati  e la sera prima di coricarsi, ma anche tre volte a settimana è già un valido aiuto.


Dopo ogni utilizzo risciacquate con cura la lota, il dosa liquidi ed il cucchiaino ed asciugate, una volta a settimana immergeteli (lota, dosa liquidi, cucchiaino)  per qualche minuto in acqua calda alla quale avrete aggiunto 1 cucchiaio di aceto di mele e 1 cucchiaio di bicarbonato, risciacquate con acqua corrente ed asciugate.

Nessun commento:

Posta un commento